Telefono e Fax
Tel: 0522 1503035
... se hai i numeri... noi te li gestiamo...

Tutti i dettagli sulla battuta d'arresto della produzione industriale di agosto

Giovedì 14/10/2021

a cura di Dott. Gianmaria Vianova


Ad agosto la produzione industriale italiana subisce una battuta d'arresto dello 0,2% rispetto a luglio. Una variazione negativa che riporta l'indice esattamente sui livelli registrati ad agosto 2020, annullando la variazione tendenziale. Il dato comunicato da Istat nel suo ultimo aggiornamento si pone in controtendenza rispetto alla nota di luglio, quando lo stesso istituto certificava una salita della produzione dell'0,8% su base mensile e del 7,0% rispetto al luglio 2020. L'appiattimento della variazione tendenziale è senza dubbio legato alla riduzione della distanza dall'output precedente la crisi economica del Covid, ormai recuperato sul fronte della produzione industriale. In parte però questo rallentamento potrebbe essere legato a fattori più profondi attinenti all'economia reale e all'effettivo andamento della crescita italiana.

Anzitutto è bene comprendere cosa ha portato l'indice a scendere nel mese di agosto. O meglio, cosa non lo ha portato a scendere: tre delle quattro componenti hanno registrato una variazione negativa. Se i beni strumentali sono cresciuti dello 0,8%, l'energia ha registrato un -2,1%, i beni di consumo un -2,0% e i beni intermedi un -1,3%.

Per quanto riguarda invece la variazione tendenziale, come anticipato, agosto 2021 si pone esattamente sugli stessi livelli di agosto 2020. Mentre i beni intermedi e strumentali sono saliti in maniera convinta a +4,9% e +4,4% rispettivamente, i beni di consumo e l'energia fanno segnare variazioni fortemente negative, -5,4% e -6,6% rispettivamente. Nei beni di consumo durevoli la caduta di portata superiore, con un -16,8% rispetto ad agosto 2020.

Non tutti i settori comunque registrano un segno negativo. La situazione si presenta decisamente eterogenea. Si passa da un +16,6% per la metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo, un +10,3% nella fabbricazione dei macchinari e un +6,3% nelle apparecchiature elettriche, ad un -23,7% nella fabbricazione di mezzi di trasporto, un -20,9% nei prodotti farmaceutici di base e un -17,7% nelle attività estrattive.

Il commento dell'Istat: "Ad agosto si registra una lieve diminuzione congiunturale della produzione industriale, dopo due mesi di crescita; nella media degli ultimi tre mesi la dinamica congiunturale risulta positiva. Rispetto a febbraio 2020, mese antecedente l'inizio dell'emergenza sanitaria, il livello dell'indice di agosto è superiore dell'1,5%, al netto dei fattori stagionali. L'analogo confronto a livello settoriale evidenzia un calo per i beni di consumo e l'energia (rispettivamente -3,7% e -6,0%), una sostanziale stazionarietà per i beni strumentali e una crescita marcata per i beni intermedi (+4,6%)".

Non mancano d'altronde le incognite sulla crescita economica e il rinnovato ottimismo relativamente alla crescita del Pil riportato dal governo nella Nota di aggiornamento del Def, in primis l'allarmante fronte delle materie prime e della crisi energetica registrata in tutto il mondo proprio alle porte dell'inverno.

Per contestualizzare la leggera discesa della produzione industriale di agosto è possibile anche osservare l'indicatore Ita-coin calcolato da Banca d'Italia. Ita-coin fornisce una sorta di indicatore della crescita in tempo reale della variazione tendenziale dell'attività economica grazie ad una serie di variabili poi sintetizzate da Palazzo Koch. Stando all'ultimo aggiornamento l'economia italiana si starebbe raffreddando. Nel mese di settembre l'indicatore è sceso a 0,83, dopo l'1,04 di agosto e l'1,39 di luglio (livello massimo di Ita-coin dall'inizio della serie storica). Sebbene il livello di settembre resti largamente in territorio positivo, il rallentamento conferma il processo di normalizzazione dell'andamento del Pil italiano. La transizione da un forte recupero dopo lo shock alla necessità di proseguire "con le proprie forze".
Le ultime news
Ieri
A partire dal 1° gennaio 2022 diventerà obbligatorio l'utilizzo del Sistema di Interscambio (SDI) e...
 
Ieri
Come noto l'art. 48-bis del Decreto "Rilancio" prevede il riconoscimento di un credito...
 
Ieri
L’articolo 36-bis del DL 22 marzo 2021, n. 41 (il c.d. Decreto "Sostegni") prevede il...
 
Ieri
Con Messaggio n. 4222 del 30 novembre l'Inps comunica il completamento delle operazioni di accredito...
 
Giovedì 02/12
L'Agenzia Entrate ha pubblicato le linee guida in tema di Superbonus e altre agevolazioni nel settore...
 
Giovedì 02/12
Come noto il Decreto Antifrodi ha esteso l'obbligatorietà del visto di conformità e dell'asseverazione...
 
Giovedì 02/12
Al via la possibilità di richiedere il contributo a fondo perduto perequativo introdotto dal Decreto...
 
Mercoledì 01/12
Il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali elenca le misure e le cifre previste dalla...
 
Mercoledì 01/12
Sul sito internet del Dipartimento per l'informazione e l'editoria è stato pubblicato l'elenco dei soggetti...
 
Mercoledì 01/12
Con Provvedimento n. 334506 del 26 novembre 2021 l'Agenzia delle Entrate comunica la percentuale...
 
Mercoledì 01/12
A seguito di parere conforme da parte del MEF e del Ministero del Lavoro, arrivano i chiarimenti Inps...
 
Martedì 30/11
L'Agenzia Entrate ha aggiornato le procedure telematiche di comunicazione delle entrate delle opzioni...
 
altre notizie »
 

Studio Giuliani Srl

Via Pezzana, 21/a - 42124 Reggio Emilia (RE)

Tel: 0522 1503035

Email: info@studiogiulianisrl.it

P.IVA: 01928740354