Telefono e Fax
Tel: 0522 1503035 Fax: 0522 1685191
... se hai i numeri... noi te li gestiamo...

Detrazione IVA complicata per le fatture di fine anno

Lunedì 02/12/2019

a cura di Meli e Associati


L'introduzione a regime della fattura elettronica ha reso certa e dimostrabile la data di avvenuta consegna della fattura alla controparte e avvicinandosi alla fine dell'anno diventa importante ricordare le regole da applicare in materia di detrazione dell'IVA sugli acquisti, così come modificate dal D.L. 24 aprile 2017, n. 50, e successivamente, ulteriormente modificate dal D.L. 23 ottobre 2018, n. 119 e dal D.L. 30 aprile 2019, n. 34.

Si ricorda, innanzitutto, che:
  • la fattura immediata deve essere emessa entro 12 giorni dall'effettuazione dell'operazione, determinata ai sensi dell'art. 6 del decreto IVA;
  • per la fattura differita, invece, emessa quindi ai sensi dell'art. 21, quarto comma, lett. a), la trasmissione può invece avvenire entro il giorno 15 del mese successivo rispetto a quello in cui sono state effettuate le operazioni, sempre considerando l'art. 6 del D.P.R. n. 633/1972 per la determinazione del momento di "effettuazione" dell'operazione ai fini IVA.

    La "data" esposta nella fattura elettronica e la data di effettiva consegna della stessa possono pertanto non coincidere ma per potere detrarre l'IVA sugli acquisti è necessario che la fattura sia ricevuta e contabilizzata.


La data di emissione della fattura, ai fini della detrazione, passa quindi in secondo piano rispetto alla data di ricezione.

L'art. 1, comma 1, del D.P.R. 23 marzo 1998, n. 100, nella sua formulazione attuale, prevede che "Entro il giorno 16 di ciascun mese, il contribuente determina la differenza tra l'ammontare complessivo dell'imposta sul valore aggiunto esigibile nel mese precedente, risultante dalle annotazioni eseguite o da eseguire nei registri relativi alle fatture emesse o ai corrispettivi delle operazioni imponibili, e quello dell'imposta, risultante dalle annotazioni eseguite, nei registri relativi ai beni ed ai servizi acquistati, sulla base dei documenti di acquisto di cui è in possesso e per i quali il diritto alla detrazione viene esercitato nello stesso mese ai sensi dell'articolo 19 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633. Entro il medesimo termine di cui al periodo precedente può essere esercitato il diritto alla detrazione dell'imposta relativa ai documenti di acquisto ricevuti e annotati entro il 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell'operazione, fatta eccezione per i documenti di acquisto relativi ad operazioni effettuate nell'anno precedente. ...".

Per regola generale, quindi, le fatture di acquisto relative al mese precedente, se annotate entro il giorno 15 del mese successivo, possono concorrere alla liquidazione IVA del mese di effettuazione. Se, invece, vengono annotate dopo il giorno 15, concorrono alla liquidazione del mese di annotazione.

Nel caso in cui una fattura, ricevuta nel 2019, non venga, invece, registrata in tale anno, affinché sia possibile portare in detrazione l'IVA, l'annotazione dovrà essere effettuata entro il termine previsto per la dichiarazione IVA, ovvero entro il 30 aprile 2020, in apposito sezionale o comunque con una tecnica che consenta di distinguerla dalle fatture "correnti". L'IVA dovrà concorrere al modello IVA 2020 riferimento 2019, e non essere invece considerata nella liquidazione periodica del 2020.

Nota bene: la regola dei 15 giorni in più per ricevere ed annotare, potendo "retrodatare" la detrazione IVA, non vale per i documenti relativi al mese di dicembre, ma ricevuti a gennaio, anche se ricevuti ed annotati entro il giorno 15 di gennaio.

esempio: un bene viene consegnato in data 23 dicembre 2019. Il fornitore emette fattura immediata, avente data 23 dicembre 2019, ma procede all'invio in data 2 gennaio 2020, sfruttando i 12 giorni a disposizione per la trasmissione del file XML al Sistema di Interscambio. La fattura viene consegnata dal SdI al destinatario ed annotata dallo stesso in pari data.

Si tratta di documento di acquisto relativo all'anno precedente per cui, anche se la fattura si riferisce ad operazione del mese precedente (dicembre 2019), non vale la regola che consente la detrazione nel medesimo mese in caso di annotazione entro il giorno 15 del mese successivo.

Ne consegue che l'IVA potrà essere legittimamente detratta dall'acquirente soltanto a partire dal mese di gennaio 2020, ad avvenuta registrazione.
Data di emissione Data di invio/ricezione Data di registrazione Detrazione
Dicembre 2019 Dicembre 2019 Dicembre 2019 Detrazione in dicembre 2019
entro aprile 2020 Detrazione in Dichiarazione IVA del 2019 e registrazione tramite sezionale
dopo aprile 2020 Detrazione non ammessa
Gennaio 2020 Gennaio 2020 Detrazione ammessa a gennaio 2020


Consigliamo di verificare con attenzione e di valutare la problematica che potrebbe generare significativi problemi; lo slittamento della detrazione al 2020 potrebbe infatti:

aumentare il debito IVA al 31 dicembre 2019;
diminuire il credito IVA annuale 2019 (con effetti sul suo eventuale utilizzo in compensazione orizzontale).
Le ultime news
Oggi
E' stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 270 del 18 novembre 2019, il testo dell'Accordo 25 luglio...
 
Oggi
La Corte di Cassazione, dopo tre decisioni errate (Cass. Civ. 3709/2019, Cass. Civ. 24110/2019 e Cass...
 
Oggi
Vuoi controllare la tua pensione e scoprire se hai diritto a trattamenti integrativi, o se hai diritto...
 
Oggi
Bankitalia ha pubblicato il sondaggio congiunturale sul mercato delle abitazioni in Italia relativo al...
 
Ieri
I venditori operanti in Italia, compresi quelli del commercio elettronico, che intendono aderire al "Bonus...
 
Ieri
Con il Provvedimento del 3 dicembre 2019 l'Agenzia delle Entrate ha disposto la chiusura d'ufficio delle...
 
Ieri
Con il Provvedimento del 3 dicembre scorso l'Agenzia delle Entrate ha definito la percentuale del credito...
 
Ieri
E' stato reso disponibile su MyANPAL, per cittadini e operatori regionali e nazionali, il servizio che...
 
Mercoledì 04/12
Con il Principio di diritto n. 25 del 2 dicembre 2019 l'Agenzia delle Entrate fornisce precisazioni...
 
Mercoledì 04/12
Sulla gazzetta Ufficiale n. 281 del 30 novembre 2019 è stato pubblicato il Provvedimento 25 novembre...
 
Mercoledì 04/12
Con il messaggio n. 4477 del 2 dicembre 2019 l'Inps precisazioni in merito alla fattispecie dei titolari...
 
Mercoledì 04/12
L'Inps comunica che è stato attivato un nuovo servizio per la domanda di prestazioni di capitale (TFR...
 
Martedì 03/12
Dal 2 dicembre 2019 la Camera di Commercio di Milano, Brianza e Lodi non accetta le pratiche ComUnica...
 
Martedì 03/12
Con la Risposta n. 20 del 29 novembre scorso l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti sulla possibilità,...
 
Martedì 03/12
Con il messaggio n. 2819 del 24 luglio 2019 l'Inps, ha dato istruzioni circa il censimento ed il rilascio...
 
Martedì 03/12
Il decreto interministeriale 24 settembre 2019 ha confermato, per il 2019, la riduzione contributiva...
 
altre notizie »
 

Studio Giuliani Srl

Via Pezzana, 21/a - 42124 Reggio Emilia (RE)

Tel: 0522 1503035 - Fax: 0522 1685191

Email: info@studiogiulianisrl.it

P.IVA: 01928740354